"I cigni neri sono eventi rari, di grandissimo impatto e prevedibili solo a posteriori, come l'invenzione della ruota, l'11 settembre, il crollo di Wall Street e il successo di Google. Sono all'origine di quasi ogni cosa, e spesso sono causati ed esasperati proprio dal loro essere imprevisti"

cit. Nassim Nicholas Taleb

Un’associazione no profit nata nel 2016 dalla volontà di Lidia Carew di dar voce ai cigni neri - black swan appunto – basandosi sulla teoria espressa da Nassim Nicholas Taleb nel suo saggio “Il Cigno Nero” del 2007.

Il lavoro di Lidia, insieme ai diversi collaboratori, consiste nel dar voce a chi ha un sogno, nell’aiutare a realizzare le proprie capacità, nel cogliere opportunità, spingere a credere in sè stessi e nel non sentirsi inferiori alle aspettative che li circondano trasformando le difficoltà in opportunità, affinché un percorso o un passato difficile non incidano negativamente sul proprio futuro.

L’obiettivo è quello di scovare “cigni neri di cui nessuno parla perché sfuggono ai modelli e gravemente sottovalutati” per dare vita a più effetti improbabili, così da incidere in maniera pratica e positiva sul futuro e sulla società.

Desirè

15 anni
borsa di studio Accademia DanceHaus Susanna Beltrami

Denise

17 anni
n.6 settimane lezioni private con conditioning trainer da NYC, borsa di studio MOVEon Milano

Jasmine

15 anni
protagonista serie tv Miracle Tunes
ph credit : Mauro Puccini

Il termine “cigno nero” è tratto dalla frase del poeta latino Giovenalerara avis in terris nigroque simillima cygno”. Questa espressione era utilizzata nelle discussioni filosofiche del XVI secolo a indicare un fatto impossibile o perlomeno improbabile. Si basa sulla presunzione che “tutti i cigni sono bianchi”, asserzione che ha avuto un senso fino alla scoperta del cigno nero (australiano Cygnus atratus). Questo esempio dimostra come né il ragionamento deduttivo né quello induttivo sono infallibili.

Black Swan Project